Cosa e chi troveremo al Salone del Libro di Torino

È stata presentata ieri la XXXII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. Il gioco del mondo (dal 9 al 13 maggio).
Il programma ufficiale è on line. 
Nicola Lagioia, in via non ufficiale e incompleta ha provato a dare un’idea di ciò che si troverà nel minor spazio possibile.

È stata presentata ieri la XXXII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. Il gioco del mondo (dal 9 al 13 maggio).
Il programma ufficiale è on line.
Nicola Lagioia, in via non ufficiale e incompleta ha provato a dare un’idea di ciò che si troverà nel minor spazio possibile.

Babij Jar [Adelphi, 2019]

Babij Jar, romanzo-testimonianza. Perché come scrive Katja Petrowskaja in Forse Esther : “Non c’era più nulla da mostrare, ma solo da raccontare”.

La storia – documento, come ricordato nel sottotitolo, è presentata come la vera testimonianza di quello che è successo in quei giorni per opera delle truppe naziste, ma anche negli anni successivi quando l’ex URSS ed il Partito Comunista Sovietico hanno cercato di insabbiare tutto, soprattutto la vergogna di non essere stati capaci di difendere i propri confini di fronte all’avanzata tedesca, ma anche la loro complicità in quell’operazione sistematica di annientamento umano.

L’ultimo rigore di Faruk [Sellerio, 2016]

30 giugno 1990. Tocca proprio al capitano Faruk calciare quel pallone che avrebbe permesso alla Jugoslavia di estromettere l’Argentina, i campioni in carica, dal mondiale. Faruk fallisce il calcio: anni dopo si è costruito una nuova vita in Francia, dove ha chiuso la sua carriera di calciatore e iniziato quella di allenatore trascorrendo i suoi giorni con il dubbio che quel maledetto rigore, che ha segnato la fine dei sogni mondiali dei Plavi, ha di fatto segnato anche il destino della nazione jugoslava…