Ode al giorno felice

La felicità si ha solo stando bene con tutti e con se stesso

Questa volta lasciatemi
essere felice,
a nessuno è accaduto niente,
non mi trovo da nessuna parte,
succede solamente
che sono felice
in ogni punto
del cuore, camminando,
dormendo o scrivendo.
Che posso farci, sono
felice.
Sono più innumerevole
dell’erba
nelle praterie,
sento la pelle come un albero rugoso
e l’acqua sotto,
gli uccelli in alto,
il mare come un anello
alla mia cintura,
fatta di pane e pietra la terra,
l’aria canta come una chitarra.
 

 

Tu al mio fianco nella sabbia,
sei sabbia,
tu canti e sei canto,
il mondo
è oggi la mia anima,
canto e sabbia,
il mondo
è oggi la tua bocca,
lasciatemi
nella tuua bocca e nella sabbia
essere felice
essere felice perché sì, perché respiro
e perché tu respiri,
essere felice perché tocco
il tuo ginocchio
ed è come toccassi
la pelle azzurra del cielo
e la sua frescura.
 
Oggi lasciatemi
essere felice
a me solo,
con tutti o senza tutti,
essere felice
con l’erba
essere felice
con l’aria e la terra,
essere felice
con te, con la tua bocca,
essere felice.

 

Pablo Neruda

 

Sei d’accordo con quello che ho scritto? Condividi le tue idee commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi