Cronaca di Famiglia, di Sergej Timofeevič Aksakov [Adelphi, 2020]

Adelphi ripropone il primo – per adesso – dei tre volumi con i quali Sergej Timofeevič Aksakov ha deciso di ripercorrere le vicende della vita della sua famiglia, partendo dalle storie che hanno coinvolto i suoi nonni e suo padre

Stepan Michajlovic Bagrov, nonno dell’autore, a metà Ottocento è costretto a trasferirsi “dagli aviti possedimenti” di Simbirsk nelle sterminate terre della Baškiria con la sua famiglia e i suoi servi contadini, alla ricerca di spazio, pace, terra da coltivare, grano da macinare.

Tutto è nuovo e diverso, a contatto con la natura, le acque, i cavalli, gli animali, tutti protagonisti di posti selvaggi ed incantevoli che lo consolano dalla perdita della “superba bellezza cittadina” e gli regalano anche prospettive di vita differenti. Lui, arcigno e irascibile, comincia a gestire e governare tutto, a controllare la vita della campagna col pugno fermo del patriarca che però dispensa indicazioni con buon senso ed è capace anche di farsi apprezzare e benvolere. La nuova vita trascorre con normalità per tutta la famiglia, la moglie, le figlie e soprattutto il timido figlio. Proprio dall’amore fra il giovane rampollo e la bella e colta Sofia Nikolaevna nasce l’erede della famiglia Bagrov, il piccolo Sergej che è il ritratto dello stesso autore. La colonizzazione è iniziata…

Continua a leggere su Mangialibri


Sei d’accordo con quello che ho scritto? Condividi le tue idee commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi