Il comma 22 della politica italiana

Prendo in prestito un editoriale di Stefano Feltri sul quotidiano Domani, di cui è direttore, per una riflessione legata all’incapacità ed insipienza della nostra classe politica.

Scritto da Feltri per commentare il balletto di avvicendamenti attorno alla carica della poltrona di Commissario della Regione Calabria, la definizione può estendersi senza problemi a tutti i nostri dirigenti:

Il Comma 22 originale, quello del romanzo di Joseph Heller, riguardava i piloti durante la seconda guerra mondiale: «Chi è pazzo può chiedere di essere esentato dalle missioni di guerra, ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di guerra non é pazzo”. Guarda caso il romanzo è ambientato in Italia, dove il Comma 22 lo abbiamo interpretato così: “Chi è idoneo a ricoprire un incarico di nomina politica non é capace di ottenere risultati, e chi é capace di ottenere risultati non é idoneo a ricoprire l’incarico”. L’idoneità è sia burocratica, sia ideologica, ambientale, antropologica.

Ecco, chi ci governa non è idoneo a farlo, perciò ce lo teniamo … quelli bravi non sono tanto pazzi da lasciarsi coinvolgere dall’inettitudine dei (molti) inidonei alla politica.

Tant’è …


Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: