Ulisse, il viaggio dell’eroe, nel tempo e nella mente

A 100 anni dalla pubblicazione dell’Ulisse di James Joyce non potevo perdere l’occasione e intervistarlo!

Il 2 febbraio 1922 viene pubblicato a Parigi il monumentale Ulysses (Ulisse) di James Joyce, autore irlandese, giramondo, scapestrato e sempre squattrinato. Ha fatto molti mestieri, dall’insegnante all’impiegato di banca, ha perfino provato la carriera da tenore; ha vissuto fra Dublino, Trieste, Roma, Parigi, Zurigo, venendo a contatto con tutte le avanguardie letterarie e culturali dell’epoca.

Da tutte ha tratto uno spunto, tutte le ha subordinate alla sua idea di scrittura. Ulysses è il romanzo che avrebbe cambiato profondamente il modo di scrivere, di raccontare, del ‘900, imponendo definitivamente un punto di vista interiore indisponibile a disciplinarsi alle regole della ragione e della morale. Un romanzo fiume, capace di far emergere particolari e dettagli, di riscoprire in tutto un simbolo, un’idea, una visione.

Joyce morirà giovane, ad appena 59 anni, dopo una vita trascorsa lontano dall’Irlanda.

Abbiamo voluto comunque intervistarlo, per celebrare con lui i 100 anni del suo capolavoro rivoluzionario.

Continua a leggere su Articolo33

Sei d’accordo con quello che ho scritto? Condividi le tue idee commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi