Allucinazioni americane, di Roberto Calasso [Adelphi 2022]

Come per tutti i libri di Roberto Calasso la lettura può avvenire per strati o semplicemente in superficie: la tessitura è tuttavia talmente densa che le poco più di 130 pagine richiedono diversi altri libri, riferimenti culturali, artistici e filmici, da estrapolare dall’universo scibile, per poterle veramente apprezzare. È un vero esercizio culturale a più dimensioni.

Vertigo [La donna che visse due volte], del 1958, è il più inestricabile e meglio riuscito tra i film di Alfred Hitchcock ed è stato preceduto da un gemello, La finestra sul cortile [Rear Window], del 1954.

Le coincidenze fra i due capolavori sono tali da non poter far pensare ad una casualità: lo stesso protagonista, James Stewart, affiancato da una conturbante presenza femminile, una donna bellissima e bionda in entrambi i film, Kim Novak nel primo e Grace Kelly nel secondo; un limite oggettivo, un impedimento, per entrambi i protagonisti, ora l’acrofobia che porta alle vertigini in uno, ora la gamba ingessata nell’altro. C’è poi in comune il mistero di una morte e l’accanita caccia alla verità che coinvolge e stravolge il protagonista, in un lungo cammino di redenzione e trasformazione. I due film hanno poi sviluppo simili, ma molto differenti, se non contrapposti: tragico il finale di Vertigo, al termine di una serie di colpi di scena; riappacificante ne La finestra sul cortile

Continua su Mangialibri

Sei d’accordo con quello che ho scritto? Condividi le tue idee commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi