Per cambiare il mondo serve la solidarietà

Al culmine dell'Ebola e in mezzo alla pandemia di Covid-19, Cuba ha inviato medici in tutto il mondo. Aleida Guevara, figlia del Che, spiega perché la solidarietà internazionale è un tratto centrale del socialismo cubano

Una delle cose più belle del popolo cubano è la solidarietà.

Tutti i cubani hanno avuto la loro esperienza di solidarietà. Alcuni come insegnanti, alcuni come medici, altri come educatori. Ad esempio, abbiamo tutti avuto qualche tipo di esperienza in missioni internazionaliste. E anche se qualcuno non è stato in missione personalmente, c’è sempre un membro della sua famiglia che l’ha fatto.

Una delle cose più belle che la rivoluzione ha insegnato al popolo cubano è sentirsi solidale con qualsiasi essere umano in qualsiasi parte del mondo. Può essere difficile capire quanto sia meravigioso quando, ad esempio, vedo un mio ex compagno di classe dell’università che è andato a combattere l’Ebola in un altro paese. Ricordo che mi trovavo nel mio ospedale – sono una pediatra – e un professore mi disse: «Vedrai che verranno a chiedere aiuto a Cuba nella lotta contro l’Ebola». E io risposi: «Ma non sappiamo nulla di Ebola!». «Non importa – disse – verranno, vedrai».

E così è stato: non molto tempo dopo l’Organizzazione mondiale della sanità è venuta a Cuba per chiedere aiuto nella lotta contro l’Ebola. È venuto perché sapeva che noi cubani avremmo accettato di aiutare. Non solo abbiamo detto di sì, ma abbiamo inviato le persone migliori del paese: operatori sanitari, infermieri, medici e tecnici sono andati tutti a combattere l’Ebola. E ci sono riusciti.

Quest’esperienza di solidarietà dà a un popolo uno straordinario senso di forza, perché puoi dire:«Siamo in grado di andare in qualsiasi luogo del mondo in cui è necessario il nostro aiuto e di aiutare veramente gli altri esseri umani». Il colore della loro pelle e la religione non contano. Basta essere utili ad altri esseri umani.

Questa è anche una delle cose più belle della rivoluzione socialista: la sensazione che lo sviluppo umano sia qualcosa che può essere raggiunto quotidianamente. Nel mio caso personale, come medico, allergologa e pediatra, la mia prima esperienza è stata durante una missione in Nicaragua. Stavo appena iniziando a fare il medico, avevo circa ventitré anni e mi trovavo all’ultimo anno della facoltà di medicina.

Continua a leggere su Jacobini Italia

*Aleida Guevara lavora all’ospedale pediatrico William Soler di L’Avana. Ha fatto il medico in Angola, Ecuador e Nicaragua. Questo messaggio, uscito su JacobinMag, è stato inviato al Progressive International’s Summit at the End of the World. La traduzione è a cura della redazione.


Sei d’accordo con quello che ho scritto? Condividi le tue idee commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
AllEscort
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: