Felice Bauer è la giovane cugina venticinquenne di Max Brod, noto editore praghese: usa frequentare il suo ufficio perché è donna intelligente e sensibile. In uno di quei pomeriggi avviene un incontro che le cambierà la vita: un ragazzo impacciato dagli occhi profondi e dalle folte sopracciglia e lì per discutere con Brod della pubblicazione di alcuni sui racconti, che Max considera dei veri capolavori.

Si tratta di Franz Kafka, aspirante scrittore. Felice nota il ragazzo, che però sembra ignorarla: ed in effetti per più di un mese i due giovani non hanno nessun tipo di contatto, finché il giovane Franz invia una lettera a Felice, che però abita lontano, a Berlino. La corrispondenza si fa sempre più fitta, quasi ossessiva, intima, diventa una lunga confessione di paure e desideri: i due giovani scoprono molte affinità, ma ogni volta che il tempo è maturo per un incontro, Franz trova un contrattempo, un impedimento. In fondo preferisce curare questo affetto a distanza, preferisce la sua solitudine, dalla quale fatica a distaccarsi: quella è la sua unica compagna di vita. Franz lo sa e tentenna tutte le volte che Felice gli chiede un passo decisivo. Arriva finalmente la tanto agognata proposta di matrimonio, Franz si decide anche ad acquistare un appartamento dove iniziare una nuova vita: le premesse ci sono nonostante le tante remore. Siamo nel 1917, il mondo sta per cambiare, ma soprattutto sta per cambiare la vita di Franz nella quale irrompe Grete Bloch, segretaria e traduttrice della casa editrice di Brod…

Continua a leggere su Mangialibri

Sei d’accordo con quello che ho scritto? Lo trovi interessante? Hai idee diverse? Condividile commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Rispondi

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
Attenzione: riceverai una mail per la conferma (eventualmente controllare anche lo spam). La newsletter è gestita con MailChimp.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: