Cosimo Peragalli è un ragazzino giudizioso che non ama immischiarsi nelle risse dei compagni, piuttosto preferisce guadagnarsi il loro rispetto facendo l’arbitro, e non è cosa da poco.

Mai sopra le righe, sempre ubbidiente, riesce a scoprire cose interessanti anche quando semplicemente viene mandato dalla madre in merceria, per un servizietto veloce veloce che invece gli occupa un’intera mattinata: stregato da quel mondo ordinatissimo di rocchetti di cotone colorato, fra le chiacchiere asfissianti delle donne che si raccontano malanni e frustrazioni, Cosimo resta frastornato e trasforma la sua frustrazione per il tempo perso in una scoperta meravigliosa. L’estate i suoi genitori sono soliti lasciarlo dalla nonna anziana, con mille raccomandazioni di non fare colpi di testa: per questo rimane chiuso in casa, mentre la nonna si aggira nel prato vicino per ritornare con una serie di erbe, animaletti, lumache, insetti che poi cucina con cura e dà da mangiare al nipote, nonostante il tanfo. I suoi genitori non sanno che la nonna fuma un sigaro, tutte le mattine: una sorta di rito del risveglio che condivide col nipote. Tutte quelle stranezze restano un segreto fra la donna ed il bambino. Quando anni dopo Cosimo torna a trovarla, nel rivederla in un letto ferma, con una badante, quando rivede la casa in ordine e pulita, sente che con l’arrivo della normalità, del talco e del detersivo, sta andando via il senso della vita…

Continua su Mangialibri


Sei d’accordo con quello che ho scritto? Lo trovi interessante? Hai idee diverse? Condividile commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Rispondi

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
Attenzione: riceverai una mail per la conferma (eventualmente controllare anche lo spam). La newsletter è gestita con MailChimp.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: