frammenti .: massimiliano de conca ::.

Fascista è chi il fascista fa: e non può essere indifferente

F

Non è possibile, come vuole Matteo Renzi (intervista a L’Avvenire del 28 luglio), dividere Giorgia Meloni dal fascismo, semplificando col solito giochino che va combattuta nel merito delle sue proposte.

Il problema è proprio che le proposte di Giorgia Meloni sono specchio del pensiero di Giorgia Meloni, che non si riassume nel neutro “io sono Giorgia, sono una donna, sono cristiana…”.

L’apparentamento implicito ed esplicito di gruppi neofascisti (o probabilmente veterofascisti) al partito di Fratelli d’Italia, di cui Giorgia Meloni è presidente nazionale, è un fatto noto e dimostrato, prima ancora degli ultimi fatti di Terracina. Questo vuol dire che le politiche proposte dal partito di Giorgia Meloni sono state, sono e saranno politiche non solo di destra, ma fasciste: sull’immigrazione, sulla scuola pubblica, sullo stato sociale, sulla famiglia, sulla parità di diritto e sulle politiche di genere, sul reddito di cittadinanza, sull’Europa e sull’euro.

Ecco, votare Meloni significa votare un partito non a caso autarchico, antieuropeo, omofobo, classista, cioè, in una sola parola, fascista. Bisogna esserne consapevoli, così come deve essere chiaro che non significa sviare la critica dai contenuti quando si sottolinea il pericolo di deriva fascista nel voto a Giorgia Meloni ed a Fratelli d’Italia.


Sei d’accordo con quello che ho scritto? Condividi le tue idee commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

sull'autore

massimiliano

commenta

Rispondi

di massimiliano
frammenti .: massimiliano de conca ::.

dello stesso argomento

scritti di recente

si parla di …

i più visti (ci sarà un motivo!)

restiamo in contatto

mi trovi anche su ...

Instagram

massimiliano

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: