frammenti .: massimiliano de conca ::.

Pareggino contro la Samp: Juventus senza idee e ritmo

P

Confermata l’abulia a centrocampo, la Juventus -senza Bonucci, senza Di Maria, senza Pogba, senza Chiesa, dunque senza una buona fetta dell’ossatura della squadra titolare- mostra tutti i limiti organizzativi e propositivi. Per 45 minuti gioco lento e prevedibile, un fantasma.

La sveglia ad una squadra spenta e senza idee arriva solo nel secondo tempo, dopo l’uscita degli abulici Alex Sandro e McKennie, con l’ingresso di De Sciglio e Miretti, capaci di verticalizzare e attaccare l’uomo. Infine l’ingresso di Rovella, forse tardivo (dopo il 75′), ha dato maggiore quadratura ad un gioco che per tutto il primo tempo è stato molto inglese old-style (palla lunga e speriamo bene).
La Juventus aggancia il Milan fermato dall’Atalanta: tutte e tre appaiate dietro Inter e Napoli lanciatissimi e la sorprendente Roma che vince, senza stravincere.
Sabato (27 agosto) primo test match importante: la Juventus ospita la Roma e verifica lo stato dei lavori: la partita di stasera ha chiaramente indicato che la linea verde al momento rende più dei cosiddetti ‘titolari’ ancora arrugginiti ed in ritardo di preparazione (McKennie e Cuadrado su tutti). Serve aggredire il gioco avversario, e a tratti ci riesce pure, ma serve anche costruire il gioco.
Un reparto d’attacco basato su un uomo solo, per quanto fortissimo (Vlahovic), non è abbastanza: mancano geometrie e soprattutto strategie per superare difese corte e chiuse come quelle della Samp. Senza i guizzi di Di Maria e Chiesa, senza la ferocia di Pogba, è difficile.
Dal mercato deve arrivare soprattutto un attaccante da affiancare a Vlahovic, magari un terzino sinistro (De Sciglio a piede invertito funziona, ma oggi non ha proprio spinto: meglio di Alex Sandro, però è una magra consolazione).

In sintesi:

Difesa 6: buone le prestazioni di Perin e De Sciglio, attenti e reattivi; Bremer ombra di se stesso, con un paio di lisci pericolosissimmi [uno stampato sulla traversa grazie all’intervento dell’estremo bianconero su Loris]; per Rugani e Danilo ordinaria amministrazione, ma decisamente insufficienti in fase di impostazione e di attacco.

Centrocampo 5,5: Benissimo Miretti e Rovella quando sono entrati: hanno creato sovrapposizioni e dato una logica alla manovra d’attacco; benino Rabiot che si è visto negare il gol per fuorigioco dell’assist-man Vlahovic, ma ha svolto un importante ruolo di diga a centrocampo; decisamente insufficienti Locatelli e McKennie, incapaci di direzionare il gioco d’attacco della Juve.

Attacco 5: Vlahovic è fuori dal gioco e in fuorigioco, Kostic ancora un elemento esterno, anche se è sua una delle rare occasioni da rete della Juve (polpaccio destro al volo da destra a sinistra, ma facile preda di Audero); Cuadrado ha divorato un gol per egoismo e Kean sulla sinistra, invertito proprio con Kostic, ha prodotto qualche apprensione alla difesa blucerchiata.

Allenatore 5: insiste sui soliti, ma è ora di osare con i giovani centrocampisti che danno più verticalizzazioni e fluidità alla manovra.

(classifica serie A dopo la seconda giornata)

Sei d’accordo con quello che ho scritto? Condividi le tue idee commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

sull'autore

massimiliano

commenta

Rispondi

frammenti .: massimiliano de conca ::.

dello stesso argomento

scritti di recente

si parla di …

i più visti (ci sarà un motivo!)

restiamo in contatto

mi trovi anche su ...

Instagram

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.

massimiliano

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
Attenzione: riceverai una mail per la conferma (eventualmente controllare anche lo spam). La newsletter è gestita con MailChimp.
posso aiutarti?
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: