Per rendersi conto dell’entità del problema è sufficiente dare un’occhiata ad alcuni dati resi noti dall’ISTAT e riportati nel Dossier del Servizio Studi del Senato di ottobre 2019. Si apprende che in Italia solo il 41% della popolazione si è dedicata, nel 2017, alla lettura di libri nell’arco degli ultimi 12 mesi (valore peraltro costante rispetto al 2016), e che di essi solo il 13,4% appartiene alla categoria dei lettori forti (cioè che leggono più di un libro al mese). Le donne, in tutte le fasce d’età, rappresentano la percentuale maggiore (47,1% rispetto al 34,5% degli uomini) e al Sud si legge meno (28%) in confronto al Centro (44,5%) e al Nord (48-49%).

Non può non suscitare stupore anche il fatto che dal 2012 al 2017 sono state chiuse, secondo Confcommercio, più di 2.000 librerie con una perdita di migliaia di posti di lavoro. Il testo di legge appena varato, fortemente voluto dalla deputata del PD Flavia Nardelli Piccoli, prima firmataria, introduce principi e buone pratiche con l’intento di rilanciare il settore.

Continua a leggere su Mangialibri


Rispondi