Si chiamava Alexandro Tonn Loose, aveva 30 anni e cominciava ieri il suo primo giorno di lavoro in un cantiere a Pompilio, Mantova.
È morto. Oggi ci ricordiamo di lui solo perché rientra in quelle statistiche spettrali che stanno riempiendo i resoconti di un bollettino di guerra pazzesco e assurdo, quello delle morti sul lavoro.

Già 189 ad aprile, quasi 50 al mese, quasi 2 al giorno …
Colpa dei subappalti, colpa della corsa ai bonus edilizia, colpa della poca sicurezza sui posti di lavoro, colpa dell’assenza di ispettori, colpa dell’assenza di leggi serie e severe per contrastare questa piaga.

BASTA!

Sei d’accordo con quello che ho scritto? Lo trovi interessante? Hai idee diverse? Condividile commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Rispondi

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
Attenzione: riceverai una mail per la conferma (eventualmente controllare anche lo spam). La newsletter è gestita con MailChimp.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: