Ad una settimana dalla sua scomparsa (il 29 luglio 2021) mi sembra doveroso ricordare la figura di Roberto Calasso, fondatore della casa editrice Adelphi ed animatore culturale della seconda metà del ‘900 e dell’inizio del nostro millennio.

Lo faccio con una citazione, da una sua opera (Come ordinare una biblioteca):

Essenziale è comprare molti libri che non si leggono subito. Poi, a distanza di un anno, o di due anni, o di cinque, dieci, venti, trenta, quaranta, potrà venire il momento in cui si penserà di aver bisogno esattamente di quel libro – e magari lo si troverà in uno scaffale poco frequentato della propria biblioteca. Nel frattempo, può darsi che quel libro sia diventato irreperibile, e difficile da trovare anche in antiquariato, perché di scarso valore commerciale (certi paperback sembrano sapersi dissolvere rapidamente nell’aria) anche perché è diventato una rarità e vale molto di più. L’importante è che ora si possa leggere subito.


Strana sensazione, quando si aprirà quel libro. Da una parte il sospetto di aver anticipato, senza saperlo, la propria vita […] dall’altra un senso di frustrazione, come se non fossimo capaci di riconoscere ciò che ci riguarda se non con un grande ritardo. Poi ci si accorge che quella doppia sensazione si applica anche a molti altri momenti della nostra vita.

https://anchor.fm/massimiliano-de-conca/episodes/Essenziale–comprare-molti-libri-e15et13

Leggi recensioni sui libri di Roberto Calasso presenti in Mangialibri


Rispondi

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
Attenzione: riceverai una mail per la conferma (eventualmente controllare anche lo spam). La newsletter è gestita con MailChimp.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: