Confessioni, di Lev Nikolaevič Tolstoj [Marietti 1820, 2021]

tolstoj

A poco più di cinquant’anni sente che la sua vita è bloccata, senza senso: Lev Tolstoj, che ha vissuto con l’unica fede nel progresso e il mestiere di raccontare per fare sempre il meglio, per ottenere sempre di più, arriva al punto di mettere tutto in discussione, anche la sua stessa vita.

E pensa al suicidio, come unica via d’uscita. Ha tutto, ma proprio qui capisce che c’è il vuoto, nell’incapacità di desiderare altro, desiderare oltre: nulla di quello che può fare o raccontare, nulla di quello che ha visto ed immaginato con gli occhi di un uomo è sufficiente a capire il significato profondo della vita. È a questo punto che la fede nel progresso comincia a vacillare, comincia a capire che non è sufficiente: quella progressione logica di avvenimenti, quella convinzione nella propria capacità di fare non riesce a spiegare la morte improvvisa del fratello né la barbarie di uomini che giustiziano altri uomini passandoli alla ghigliottina. Si ricorda allora della sua formazione cristiana: “Sono cresciuto, invecchiato e ho guardato alla mia vita”. Uno sguardo lanciato all’indietro per ritrovare la strada, perché in fondo la vita non è riconducibile a nessuna logica né ad alcuna idea di progresso se limitata ai soli uomini, alle loro parole, ai soldi, alle ricchezze, al benessere materiale…

Continua su Mangialibri


Sei d’accordo con quello che ho scritto? Condividi le tue idee commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: