Un cacciatore di leoni, di Kurt Vonnegut

Alla fine siamo tutti ingranaggi della stessa macchina da guerra.

(KV)

Oh, un cacciatore di leoni
nel buio della giungla
e un ubriaco addormentato
a Central Park
e un dentista cinese
e una regina inglese
trovano posto tutti insieme
nello stesso macchinario.

Che bello, che bello,
un popolo così vario
nello stesso
armamentario!

Un uomo senza patria, Bompiani 2020


Sei d’accordo con quello che ho scritto? Condividi le tue idee commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi