Che Pasolini abbia letto direttamente Sade lo confessa lo stesso scrittore in una delle tante interviste e dichiarazioni necessarie per guidare il lettore e lo spettatore lungo la traiettoria poetica, e filosofica, che da Orgia, passa per Porcile ed infine arriva a Salò e Teorema.

Pasolini ha sempre fatto parlare il corpo, senza inibizioni, come atto di estrema ribellione al conformismo borghese: Sade e la Philosophie dans le budoir rappresentano dunque il giusto punto di partenza e di confronto per la sua lunga riflessione. Una riflessione che non è appiattita sulla pagina dei romanzi, ma si dipana nella drammaticità del teatro e del cinema, dove i corpi possono parlare e muoversi con naturalezza, anche al di fuori dei codici tradizionali. Una riflessione che cerca di spiegare il trinomio potere-dolore-eccitazione, che cerca di dare una forma all’animalità e la ferinità come tratto distintivo e naturale dell’uomo, che investiga il rapporto fra internamento e libertà. Nei corpi, nel lessico crudo dell’esperienza dei corpi, c’è il tentativo dell’uomo di affermare il suo potere sulla donna, ma anche della donna di soggiogare l’istinto dell’uomo. Orgia è un dramma per questo esemplare ed universale, con due soli protagonisti senza nome, qualificati semplicemente come Uomo e Donna, due corpi racchiusi in una scena e rappresentati nelle loro complicate dinamiche di possesso…

Continua a leggere su Mangialibri


Sei d’accordo con quello che ho scritto? Lo trovi interessante? Hai idee diverse? Condividile commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Rispondi

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
Attenzione: riceverai una mail per la conferma (eventualmente controllare anche lo spam). La newsletter è gestita con MailChimp.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: