Frédéric è un capitano dell’esercito francese che ha prestato servizio in Algeria ed in Crimea. Vitalie è invece una giovane donna ombrosa, silenziosa, quasi rassegnata. Frédéric e Vitalie non sembrano avere nulla in comune, forse non ce l’hanno.

Eppure si sposano il 3 gennaio 1853: il 20 ottobre 1854 nasce il secondo genito Arthur, Arthur Rimbaud. Confinato in un piccolo paesino delle Ardenne, Charleville, e abbandonato presto dal padre che misteriosamente si ritira a Digione, Arthur frequenta il liceo locale primeggiando fra tutti i suoi compagni per l’estro linguistico: comincia a comporre, si esibisce, impara la poesia. Chiaro che il borgo delle Ardenne gli sta stretto: non riesce a esprimersi del tutto ed ha bisogno che la gente conosca la sua poesia. Parte, lascia la casa materna e cerca di entrare a Parigi, ma senza soldi e con quell’aria di bifolco delle campagne ci vuole poco a essere cacciati. Arrestato e processato: andrebbe anche bene, perché con la sua parlantina e la sua faccia tosta Arthur tiene testa al giudice di turno, ma il caro amico Izambard lo va a cavarlo dagli impicci e lo rispedisce a casa, dove lo aspetta la madre Vitalie. Pochi giorni e poi di nuovo in viaggio, verso il Belgio. Ma anche quella scappatella dura poco, perché con il suo caratteraccio riesce a farsi nemici ovunque. Però un amico ce l’ha, è Paul, Paul Verlaine, l’uomo che amerà e da cui si beccherà un colpo di pistola…

Continua a leggere su Mangialibri

Sei d’accordo con quello che ho scritto? Lo trovi interessante? Hai idee diverse? Condividile commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Rispondi

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
Attenzione: riceverai una mail per la conferma (eventualmente controllare anche lo spam). La newsletter è gestita con MailChimp.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: