L’esercito è il vero vanto ed orgoglio della Russia: una potenza tangibile, materiale, fatta per difendere i confini della nuova nazione nata dalle spoglie dell’URSS (Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche), ma anche per imporre con la determinazione della forza la presenza in terra della Russia e del suo presidente, l’ex tenente colonnello del KGB, la polizia segreta della repubblica sovietica, Vladimir Putin, prima ministro, poi presidente incontrastato ed incontestabile, dopo Bors El’cin.

Eppure l’esercito è un luogo chiuso, un vero e proprio inferno per i giovani russi, costretti a subire da parte degli ufficiali ogni tipo di ignobile vessazione: sono picchiati, umiliati, seviziati, terrorizzati da ufficiali ubriachi che possono abusare con ogni mezzo dei ‘loro’ soldati. Sono la loro valvola di sfogo. Per questo sono decine di migliaia i giovani che disertano ogni anno, perché in fondo sanno che per i loro ufficiali esiste un’impunità non scritta che ne determina il potere assoluto di vita e di morte. Sono decine di migliaia le madri che invano aspettano notizie dei figli senza sapere dove la madre Russia li sta facendo crescere e crepare. Fare l’ufficiale dell’esercito russo è un mestiere sporco, che ha il vantaggio del rimanere immacolati di fronte ad un tribunale. Questo è il vero potere di Putin, un esercito di ufficiali al suo servizio, capace di atrocità indicibili anche verso i propri figli, ma sicuro di non essere mai condannato. Succede con la guerra in Cecenia, quando i soldati russi si macchiano di gravi azioni violente anche nei confronti di civili e nessun tribunale riesce a incastrarli, a riportarli alle loro responsabilità. Perché su questo silenzio, su questa turpe complicità, poggia il potere del terrore del nuovo zar della Russia, colui che umilia i suoi oppositori, li riduce al silenzio, impone i suoi monologhi deliranti, evita i contraddittori ed è capace di fare letteralmente sparire ogni voce dissonante. L’uomo che nelle cerimonie religiose stringe la mano al pope senza baciarla, sostituisce il santo e benedice il ‘suo’ popolo, costretto ad una tacita obbedienza. Con il beneplacito del mondo occidentale…

Continua a leggere su Mangialibri


Sei d’accordo con quello che ho scritto? Lo trovi interessante? Hai idee diverse? Condividile commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Rispondi

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
Attenzione: riceverai una mail per la conferma (eventualmente controllare anche lo spam). La newsletter è gestita con MailChimp.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: