Enildo Niebla li vede bene con i suoi occhi quei pazzi scatenati che urlano per strada, prendono pietre e le scagliano contro i negozi, contro le macchine, contro i palazzi dei membri del governo.

Sono furiosi e allo stesso tempo eccitati, perché è arrivato il momento di esiliare Fulgencio Batista. L’atmosfera è così carica che, anche se è lì per altro, per cercare il fotografo da portare a casa sua per immortalare il compleanno del piccolo Enildo, suo figlio, non ce la fa a star fermo: non era uscito per lanciare pietre contro le vetrine, ma vede quel gesto così liberatorio e si lascia vincere dalla tentazione. Lancia pietre e corre, corre e lancia pietre: non sembra neanche lui, non si è mai lasciato andare a questa foga. Si ferma, si guarda intorno: sembrerebbe tutto molto calmo, ma all’improvviso vede un uomo correre da solo e soltanto dopo qualche secondo una fila immensa di scalmanati che lo inseguono: si tratta di una maledettissima spia del sistema, un nemico del popolo da fare fuori, senza nessuna pietà. Non sa che fare, vorrebbe soltanto cercare il suo fotografo e tornare a casa, la festa sarà già iniziata. Mentre ci pensa, il fiume umano di persone lo investe e così, in modo glorioso, muore Enildo Niebla, eroe della rivoluzione cubana: la moglie, non sapendo di essere diventata vedova, stanca di far aspettare gli ospiti, dà inizio ai festeggiamenti, col chiaro intendo di fargliela pagare al povero Enildo, la dovrà pagare cara…

Continua a leggere su Mangialibri

Sei d’accordo con quello che ho scritto? Lo trovi interessante? Hai idee diverse? Condividile commentando qui sotto. Grazie


Resta aggiornato.
Hai mai pensato di iscriverti alla mia newsletter?

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Rispondi

Sarai avvisato quando saranno attivi nuovi contenuti.
Attenzione: riceverai una mail per la conferma (eventualmente controllare anche lo spam). La newsletter è gestita con MailChimp.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: